cerca

S

Come ti ammazzo il bodyguard

                          COME TI AMMAZZO IL BODYGUARD

a

sabato 1 aprile 2017

La cura dal benessere | Film 2016 | Mistero e horror alla clinica della serenità

La cura dal benessere nella clinica misteriosa fra anguille e strani medici


Un giovane broker di Wall Street, Lockhart (Dane DeHaan) viene mandato in Svizzera per riprendere Roland Pembroke (Harry Groener) amministratore della società, da una clinica del benessere situata in un castello fra le Alpi. Una volta giunto alla clinica si accorge che qualcosa non va. I pazienti sembrano troppo felici e legati al luogo idilliaco fuori dal mondo e Pembroke non ha alcuna intenzione di andarsene.

La cura dal benessere-film 2016


La cura dal benessere è un thriller psicologico con venature horror diretto da Gore Verbinski regista di The Ring (2002). Nella trama vediamo il giovane Lockhart, come nei classici horror, che una volta arrivato a destinazione dentro il cortile di un suggestivo castello dalle alte guglie, non riuscirà a uscirne.

Già al suo arrivo nel paese, Lockhart nota una certa tensione fra gli abitanti del villaggio vicino: non hanno un buon rapporto con le persone che vivono nel castello, dietro c'è una storia vecchia di due secoli dove un barone voleva continuare la stirpe sposando la sorella. Dopo aver appreso che non era fertile, il barone incominciò a fare esperimenti su alcuni abitanti del villaggio per allungare la sua vita, ma in un impeto di rabbia bruciarono il castello insieme alla sorella del barone.

Quando Lockhart troverà Pembroke, egli appare poco interessato a lasciare la clinica, in questo luogo fuori dal mondo neanche i cellulari funzionano. Il giovane sarà obbligato a farsi accompagnare in un hotel per contattare i suoi dirigenti, ma per strada lui e l'autista avranno un incidente e l'auto si ribalta investendo un cervo.

Lockard si risveglierà tre giorni dopo con una gamba ingessata in un letto del centro termale, qui farà conoscenza con l'ambiguo direttore il dr. Volmer (Jason Isaacs) il quale lo consiglia di provare i trattamenti (come vedremo poco convenzionali) della clinica durante il suo soggiorno e anche di bere la speciale acqua termale che ha "qualità rigeneranti uniche".
Come una fonte della giovinezza, fra immersioni in speciali vasche, i pazienti si sentono rinvigoriti, almeno in apparenza, fiduciosi che staranno meglio, nonostante sia evidente il contrario con gli insoliti trattamenti del luogo, mentre il personale prende di nascosto delle gocce di "vitamine" da strane fialette blu.

Anche se siamo nell'epoca attuale tutto l'ambiente pare essersi fermato ai primi anni del secolo con terapie antiquate e nessun computer o elemento tecnologico in vista, e tanto per alimentare una certa atmosfera gotica inquietante, il giovane vede una notte alcuni inservienti che portano dei cadaveri dentro un tunnel del vecchio castello dove di giorno l'entrata viene tenuta chiusa con un vecchio lucchetto.

La cura dal benessere-film 2016


Lockard farà conoscenza di una giovane paziente di nome Hannah (Mia Goth) il dr. Volmer la descrive come un “caso speciale”, e in effetti, lei pare essere diversa dagli altri della clinica, il giovane si convince che ha bisogno di essere aiutata e nasce una specie di sentimento fra i due.

“Solo quando sappiamo cosa ci affligge possiamo sperare di trovare la cura”

Intanto durante la degenza Lockard incomincia ad avere strane allucinazioni, anche se non si ritiene un paziente, ma suo malgrado il dottor Volmer lo classifica come uno di loro, e ci si domanda se sia merito della paranoia del protagonista o un inizio di pazzia dello stesso. Quando da un bicchiere d'acqua vede un parassita galleggiare non ci farà molto caso, ma quando viene messo dentro un cilindro colmo d'acqua per un trattamento, incomincerà a veder guizzare anguille da tutti gli angoli. Anguille che appaiono anche come elementi decorativi nel cancello d'ingresso e che usciranno anche da un water, con un significato rilevante nella trama della storia. 

Lentamente si verrà a scoprire una terribile realtà che sta fra Il fantasma dell'opera e L'abominevole dr Phibes film con Vincent Price, con scene raccapriccianti di denti trapanati, bestiame dal ventre squarciato da cui escono vitelli morti e anguille carnivore, pazienti usati come cavie per estrarre un elisir di lunga vita. Così invece di un luogo di riposo e relax, la spa diventerà una prigione per Lockhart, che si confronterà con scoperte inquietanti in alcune aree riservate dell'ospedale.

La strano tono surreale e gotico che permea il film di Gore Verbinski è nello stesso tempo la sua più grande forza e forse anche la sua debolezza. Con echi da Martin Scorsese e Di Caprio Shutter Island e di Stanley Kubrick Eyes Wide Shut (specie nella scena del valzer, anche se inferiore a entrambi), questo film ci trasporta in un altro mondo in cui le cose sono simili al nostro ma sono sovrapposte da uno straniamento che rende difficile una classificazione. La clinica può essere vista come un luogo dove il tempo reale si ferma, l'orologio costoso di Lockhart si ferma all'ora, le 15.07, in cui è entrato nel sinistro castello. 

Si può criticare l'eccessiva durata, oltre due ore, e una certa lentezza in un atmosfera quasi onirica, ma ci sono momenti in cui si viene trascinati da un mistero centrale legato al passato, sufficientemente intrigante da mantenere lo spettatore impegnato fino alla soluzione finale allo stesso tempo sorprendente.

Le prestazioni di Dane DeHaan sono stranamente simili a quelle di Leonardo DiCaprio in Shutter Island e non sappiamo se il regista lo abbia fatto volutamente, tanto che ci sono momenti in cui lui pare un sosia. Poco incisiva la figura del dr Volmer, sorta di barone Frankenstein, incestuoso che continua i suoi esperimenti di nascosto sotto forma di una Spa per ricconi anziani.

Altro membro interessante del cast è Mia Goth (Everest 2015), con un nome appropriato la Goth ritrae una Hannah, anima infelice, rinchiusa per anni nel castello, anni che hanno guastato la sua infanzia, fra lo stupore di un rossetto che troverà per caso. E' probabile che La cura dal benessere se si fosse dedicato più a lei che a Lockhart, avrebbe avuto un aspetto diverso.

Suggestiva l'ambientazione nel castello medioevale di Hohenzollern in Germania location anche del film Barry Lindon (1975) e nell' ex sanatorio di Heilstätten, Beelitz, usato per Operazione valchiria (2008). 
I riferimenti al romanzo La montagna incantata di Thomas Mann sono evidenti, oltre che nella storia, anche in una scena in cui un inserviente legge distrattamente il poderoso romanzo.




La cura dal benessere - Trailer italiano





La cura dal benessere
(A Cure for Wellness)
prod. USA - 2016
Regia: Gore Verbinski
Attori: Dane DeHaan - Lockhart, Jason Isaacs - Dott. Volmer, Mia Goth - Hannah, Celia Imrie - Sig.ra Watkins, Harry Groener - Pembroke, Ivo Nandi - Enrico, Tomas Norström - Frank Hill
Soggetto: Gore Verbinski, Justin Haythe
Sceneggiatura: Justin Haythe
Fotografia: Bojan Bazelli
Musiche: Benjamin Wallfisch
Distribuzione
TWENTIETH CENTURY FOX ITALIA (2017)
Vietato minori 14
Data uscita: 23 marzo 2017











Film consigliati e altro


Nessun commento :

Posta un commento

Dolce veleno

 

DOLCE VELENO (1968)

Uno psico thriller sconosciuto

con Anthony Perkins

 

Vedi di più