cerca

S

Come ti ammazzo il bodyguard

                          COME TI AMMAZZO IL BODYGUARD

a

giovedì 8 dicembre 2016

Non c’è più religione, La festa prima delle feste, Una vita da gatto, Babbo bastardo 2

Film di atmosfera natalizia in uscita. Dalla commedia italiana Non c'è più religione Claudio Bisio e compagni alla ricerca di un bambinello per il presepio. La festa prima delle feste vede una grandiosa festa di Natale fra dipendenti che può fare miracoli. Kevin Spacey si troverà nelle vesti di un felino in Una vita da gatto e poi il dissacrante Babbo bastardo 2 con Billy Bob Thornton.  




Non c’è più religione
di Luca Miniero
Con Claudio Bisio, Alessandro Gassman, Angela Finocchiaro, Nabiha Akkari, Giovanni Cacioppo

In una piccola parrocchia locale di una piccola isola si deve organizzare, come da tradizione, un presepe vivente. Ma bisogna fare i conti su chi scegliere per interpretare la parte del bambinello. Colui che lo aveva impersonato nel passato adesso è diventato grande e con la barba, perciò occorre trovare un sostituto. Non sarà semplice poiché nell'isola sono anni che non nascono bambini, popolata pressoché da anziani. Una questione rilevante non solo dal punto di vista religioso ma anche politico, infatti ci penserà il sindaco neo eletto Cecco (Claudio Bisio) a chiedere in prestito un pargolo dalla comunità tunisina nell'isola. Ma le due fazioni non vanno propriamente d'accordo. Il sindaco si farà aiutare da Marietto (Alessandro Gasmann) che si convertito alla religione islamica ed ha buoni rapporti con i tunisini. Anche suor Marta (Angela Finocchiaro) darà il suo contributo con la sua indole combattiva.
Luca Miniero cerca di riproporre la formula vincente di Benvenuti al Sud che era basato su una commedia francese ben impostata con una certa credibilità, pur in un contesto farsesco. Non c'è più religione invece, appare come una favola comica, lasciando qualche incongruenza logica, con un esile filo legato all'attualità, inserendo esotismo e immigrati orientali, che si regge principalmente per le prove gradevoli di Bisio, Gassman e la Finocchiaro. Girato alle isole Tremiti. 




La festa prima delle feste
Titolo originale Office Christmas Party
di Josh Gordon e Will Speck
Con Jennifer Aniston, Jason Bateman, Vanessa Bayer, Jillian Bell, Jamie Chung

Un tempo la festa di Natale in ufficio era una tradizione molto attesa, capace, fra un bicchiere e un augurio, di sciogliere quelle diffidenze che esistono fra colleghi o addirittura fra datore di lavoro e impiegato.
L’amministratore delegato della Zenotek Carol (Jennifer Aniston) vuole chiudere una divisione dell'azienda diretta dal fratello Clay (T.J. Miller). Egli è un dirigente amante del divertimento che si preoccupa per ogni dipendente come se fosse una famiglia, praticamente il contrario di sua sorella Carol. Secondo Carol, l'ufficio di Clay non è abbastanza produttivo così lei vuole il taglio di buona parte dei posti di lavoro. Clay ha un'ultima possibilità: il potenziale cliente Walter David ( Courtney B. Vance) dovrebbe firmare un contratto con un lavoro milionario, ma dopo un breve incontro a pranzo, Walter rimane indifferente. Clay e gli altri colleghi studieranno il piano per la festa di Natale, e troveranno l’opposizione della guastafeste Mary (Kate McKinnon) la responsabile delle Risorse Umane che adora strani maglioni, ossessionata dal rispetto delle regole, se da una parte è favorevole, dall'altra, per fare buona figura, sotto pressione sarà contraria. In un ultimo sforzo, Clay inviterà Walter alla festa annuale natalizia della Zenotek (che Carol in precedenza aveva annullato), tutto in nome degli affari business. 
Il film è una bad comedy natalizia dove il pretesto della festa si trasforma in una sfrenatezza senza limiti. Dopo Bad Moms, Babbi bastardi qui abbiamo i Bad impiegati all'opera. 






Una vita da gatto
Titolo originale Nine Lives
di Barry Sonnenfeld
Con Kevin Spacey, Jennifer Garner, Robbie Amell, Christopher Walken, Cheryl Hines
   
Tom Brand (Kevin Spacey) è un miliardario con grandi ambizioni: vuole  costruire il grattacielo più alto della città che superi quello del suo rivale a Chicago. Ma lo stile di vita stacanovista di Tom lo ha allontanato dalla sua famiglia, in particolare dalla sua bella moglie Lara (Jennifer Garner) e la sua adorata figlia Rebecca (Malina Weissman). Il suo undicesimo compleanno è vicino e lei vuole un gatto. Tom odia i gatti, ma deve trovare un regalo, il tempo sta per scadere. Il suo GPS lo indirizza verso uno strano negozio di animali traboccante di gatti, dove un  eccentrico proprietario Felix Perkins (Christopher Walken), gli presenta un gatto maestoso di nome Fuzzypants. Ma mentre sta per portare alla figlia il suo animale domestico sognato, una bizzarra svolta di eventi accadono e Tom si troverà intrappolato all'interno del corpo del gatto Fuzzypants. Adottato dalla sua stessa famiglia, inizierà a sperimentare la vita domestica con loro, ma come gatto. 
Kevin Spacey riesce con ironia e sarcasmo nella sua interpretazione in questa farsa animalesca per i più piccini con richiami a  Shaggy Dog (2006)







Titolo originale Bad Santa 2
Di Mark Waters
Con Billy Bob Thornton, Tony Cox, Brett Kelly

Dopo queste commedie natalizie apparentemente allegre ecco un film dove ritorna il Babbo Natale più cinico e perverso della storia del cinema. Billy Bob Thornton ritorna nel costume dell’anti-eroe più amato dal pubblico, Willie Soke. Il suo attaccamento al whisky a buon mercato è alimentato dall’avidità e dall’odio insieme al suo compare permaloso Marcus (Tony Cox).
L'obiettivo questa volta sarà svaligiare un ente di beneficenza di Chicago. Soltanto il giocondo e rotondo Thurman Merman (Brett Kelly), ora cresciuto, riuscirà a fare uscire da Willie quel poco di umanità. La faccenda però si complica quando entrerà in scena Sunny (Kathy Bates) invadente madre di Willie. Una vera rompiscatole che renderà la banda più ambiziosa e spregiudicata, con un comportamento criminale sempre più volgare. A questo si aggiungerà l’attrazione da parte di Willie per la formosa e riservata Diane (Christina Hendricks). Diane è la direttrice dell’ente di beneficenza, una donna affabile, ma non così tanto da cedere alle avance di Willie.
Il primo film del 2003 è stato mitizzato, e questo Bad Santa 2 ancora più sboccato, (è vietato ai minori di 14 anni) dimostra che anche le situazioni più disperate possono essere risanate, e che quasi chiunque è in grado di avere la sua redenzione.



  • Vedi anche le altre uscite al cinema











Film consigliati e altro


Nessun commento :

Posta un commento

Dolce veleno

 

DOLCE VELENO (1968)

Uno psico thriller sconosciuto

con Anthony Perkins

 

Vedi di più